GIUSEPPE BASSI

bassista, musicista, compositore

eventi

Ora: 0:00 - 0:00
Luogo: Oberkochen, Germany
Ute e Giuseppe Los Angeles 2022

Ute Lemper-Time Traveler – A Retrospective of Ute’s Life and Music

Error: please reset time.
Luogo: Wallensteinplatz 6
Ute e Giuseppe Los Angeles 2022

Ute Lemper – Rendezvous with Marlene

Ora: 19:30 - 22:00
Luogo: Wallensteinplatz 6
Ute e Giuseppe Los Angeles 2022

Ute Lemper-Rendezvous with Marlene

biografia

Giuseppe Bassi (Bari 1971)

Contrabbassista, compositore, autore, documentarista.
Probabilmente il contrabbassista italiano più impegnato a livello internazionale.

La sua musica spazia dal Jazz più tradizionale all’avanguardia, dal Funk alla musica classica.

Inizia la sua attività concertistica nel 1988, ma a partire dal 1990 divenne assidua e costante.

Studia e si perfeziona con i più grandi contrabbassisti del mondo presto ispirandosi a maestri come Ray Brown e Charlie Haden.

Giovanissimo manifesta spiccata attitudine alla composizione e diviene presto leader di numerosi progetti musicali.

Nella sua carriera, ha suonato con alcuni tra più grandi musicisti jazz del mondo, tra cui:
Ute Lemper, Lew Tabackin, Bill Mays, Don Friedman, Bobby Durham, John Hicks, Rashed Ali, Jed Levy, Joe Magnarelli, Helen Sung, Mark Soskin, Bill Goodwin, Billy Drummond, Greg Osby, Mal Waldron, David Liebman, George Garzone, Tony Scott , Harold Danko, Avishai Cohen, Adam Nussbaum, Sumire Kuribayashi ecc …

Ha suonato e registrato con tutti i musicisti jazz più importanti e rappresentativi in Italia: Enrico Pieranunzi, Dado Moroni, Roberto Ottaviano, Gegè Telesforo, Roberto Gatto, Stefano Bollani, Francesco Cafiso, Fabrizio Bosso, Gianni Basso, Dino Piana, Franco Cerri, impossibile elencarli tutti.

Apprezzato anche nel mondo dello spettacolo, ha spesso suonato con Renzo Arbore.

Svolge intensa attività concertistica in tutto il mondo ed è prodotto dalla etichetta giapponese Albore records e dalle più importanti ed attive etichette discografiche del mondo del jazz.

Impossibile elencare, tra gli oltre tremila concerti, tutti i festival e rassegne che lo hanno visto protagonista.

La sua discografia è cospicua.

come leader:

  • “Apaturia” 1995
  • “We’ll be together again” 2002
  • “Totò Jazz” 2003
  • “My Love and I” 2004
  • “MISSION Formosa” 2015
  • “Just You Just Me” 2015
  • “Kind of True” ( Mission Formosa) 2016
  • “Ciao…..Amore” 2018
  • “Atomic Bass” 2020
  • “I Will touch you” 2021

Con il disco “Apaturia”, Giuseppe Bassi è presente nella guida “Penguin” scritta e redatta da Richard Cook e Brian Morton che hanno valutato la registrazione come “eccellente e originale nel panorama jazz internazionale,” la più alta valutazione artistica.
Come sideman , figura in :

  • “JAZZ AT PRAGUE CASTLE” (2009) con il quartetto di LEW Tabackin,
  • “REMEMBERING SHELLY”( 2010) in due volumi con Roberto Gatto Quintet,
  • “STREET JAZZ UNIT” (1997) con il gruppo omonimo
  • “FAST FLIGHT” (2001)disco di debutto di Fabrizio Bosso,
  • “LOOK OUT” (2000)con Rosario Giuliani, Fabrizio Bosso, Gianluca Petrella ..,
  • “Up Up with Jazz Convention” (1998) con Stefano Bollani.
  • “You are my everything” (2003) con Gianni Basso
  • “SEVEN” (2012) con un gruppo eccezionale, composto da: Enrico Pieranunzi al pianoforte, Roberto Gatto alla batteria, Franco Piana flicorno, DINO PIANA trombone, Fabrizio Bosso alla tromba, Max Ionata al sax, Luca Manutza pianoforte.
  • “Sound Briefing” (2012) Il nuovo album di Jazz Convention
  • “inspiration Live” (2014) quartetto Ionata Max
  • “La banda”( 2015), Francesco Cafiso sextet
  • ” Nu Joy” ( 2012) , Gegè Telesforo Band
  • ” Fun Slow Ride” ( 2016) Gegè Telesforo

Bassi ha insegnato basso jazz nell’anno accademico 2004- 2005 presso il Conservatorio di Cosenza.

Ad ottobre 2005 si trasferisce a NEW YORK, entrando a far parte di alcuni tra I gruppi più importanti del panorama jazzistico (Lew Tabackin, Joe Magnarelli, Steve Davis, Helen Sung, John di Martino, Peggy Stern, Rashed Ali.

Tornato in Patria decide di dedicarsi totalmente alla attività concertistica ed oggi è uno tra i migliori contrabbassisti italiani nel mondo, unico richiesto per i tour internazionali da alcuni tra i più grandi rappresentanti del jazz mondiale.

Lew Tabackin lo chiama con se in tour e concerti negli Stati Uniti ed in Europa: Recentemente Il Lew Tabackin trio con Bassi al contrabbasso e Gatto alla batteria ha suonato al festival jazz di Londra dal 20 al 23 novembre 2016.
Per il CONCERTO DELLA MEMORIA dal titolo “Serata Colorata”, Tenutosi presso L’Auditorium Parco della musica a Roma, con ripresa diretta su Rai, Il giorno 26 gennaio 2017, e a Lugano il 26 aprile 2018, BASSI ha curato la direzione musicale, tutta la scelta del repertorio e gli arrangiamenti di musica mai eseguita prima , composta da Kurt Sonnenfeld, pianista, musicista, compositore, prigioniero nel campo di concentramento di Ferramonti in Calabria.
In ottobre 2017 ,Bassi ha effettuato un tour in Taiwan per la presentazione di “Kind of true”, suonando al prestigioso Taichung Jazz festival davanti un pubblico di 60000 persone. Contestualmente ha tenuto master jazzistico presso TCH Music in Taipei .

Ideatore del progetto “ATOMIC BASS”, svolge attività concertistica in Giappone, In Italia ed in tutto il mondo.

Nel 2021 Bassi ha prodotto con Motonokai il film, girato nei pressi della centrale atomica di Fukushima, di cui è protagonista dal titolo “Yomigaeru- Rivivere” ,
con la regia di Alessandro Trapani.
Attualmente suona nei progetti della famosissima attrice/cantante Ute Lemper ed è leader di una nuova band Soul-Funk con la presenza della cantante americana Joanna Teters. Prestissimo l’uscita del nuovo disco.

Co-fondatore della nuova etichetta di produzione Doppio Sugo.

progetti

diario

Una bella 127 verde

Da quando sono divenuto musicista, mi è capitato molto spesso , anche per lunghi periodi, di dover lavorare per strada per riuscire a sostenermi. Per continuare a suonare ho fatto anche un altro lavoro, per esempio il cameriere. Mi capitava a New York, ma mi è capitato anche a Roma. Da qualche parte conservo ancora l’autorizzaIone della polizia con le mie ultime postazioni. Ciò che amavo davvero tanto era l’emozione di quando si avvicinava qualcuno e stazionava per un po’ ad ascoltare il mio contrabbasso. Ma ho suonato con giganteschi musicisti, alcuni secondo me tra i più bravi del mondo. Mi è capitato al Colosseo, come Union Square. Se penso a quanti musicisti incredibili ho incontrato per suonare per strada, non so se basta una

Continua a leggere ⟶

contatti

it_ITItalian